La relazione del Capitano Volfio sulla guerra in Velletri del 1744

Libri Secolo XVIII

Foto: Volta del Salone delle Feste di Palazzo Marigliani in cui si raffigura i battagli di Velletri

Il lavoro riporta, oltre al contenuto di altri manoscritti, la relazione del capitano Volfio che descrive un episodio della guerra fra austriaci e napolispani per il possesso del regno di Napoli, alla quale prese parte come capitano del reggimento irlandese al servizio di Carlo di Borbone. I due schieramenti, comandati dai principi di Lobkowitz e dal re Carlo di Borbone, sono fronteggiarono per cinque mesi.

Lo scontro risolutivo ebbe luogo l'11 agosto 1744 presso la Porta Napoletana di Velletri.

La relazione, mai pubblicata, è in forma di diario ed è stata rinvenuta nella Biblioteca comunale di Velletri. Venuta dettata al priore del convento di S.Maria dell'Orto, dal Capitano Volfio. Sono davvero interessanti le notizie ei particolari che narrano sia come due eserciti che fronteggiarono e sono controllati sul territorio di Velletri, sia come la popolazione ne soffrì terribilmente. Immaginiamo cosa potrebbe significare la presenza nella città di migliaia di soldati napolispani che dovevano essere alloggiati e riforniti da vettovaglie. Da parte loro gli austriaci non mancarono di devastare nei dintorni dell'abitato, nelle vigne e nei campi

Oltre ai fatti storici, si riportano notizie sui protagonisti, sui luoghi dove i combattimenti si svolsero e sulla consistenza dei due eserciti con i nomi dei vari reggimenti. Sono aggiunti una relazione esistente presso la Società Napoletana di Storia Patria, attualmente inedita, redatta in francese da un ignoto ufficiale e alcune pagine di un memoriale del generale Brown, ideatore e realizzatore dell'attacco austriaco dell'11 agosto 1744 che per poco non risolto diversamente l'esito della guerra. Carlo di Borbone, che comandava di persona il suo esercito, riuscì a conservare il regno costringendo alla ritirata dagli austriaci, rientrando nel suo regno.

Scarica il libro in pdf

Tags:
Velletri Vincenzo Ciccotti